Le sue opere orientate dalle sue grandi polarità della metafisica e dal surrealismo, appaiono ricche di una visionarietà feconda , capace di estrapolare gli oggetti dai loro contesti più abituali per proiettarli in una dimensione onirica di assoluta attrazione. Nei suoi oli, la precisione del segno si accompagna ad una spaesante congiunzione fra realtà ed illusione, tangibilità ed evanescenza , che colloca le opere all’interno di un’arte dal forte impianto concettuale. Il quale , però, non appesantisce mai i quadri, rappresenta,anzi, il cuore pulsante di ogni ammirato approccio dell’osservatore. Anche i colori , rimandati all’aridità e all’asprezza dei paesaggi cosmici (quasi una costante in questo tipo di quadri dell’artista), contribuiscono a fissare un’atmosfera di quieta ma potente ribellione ad un destino di barbarie del tutto inaccettabile . L’ermetismo di La vecchia si fa a volte inquietante altre volte, invece, l’irrealtà assume i tratti di un trasognante erotismo.

0